Rivendicazioni

Mentre il femminile evolve, cambia, si riPensa e a tratti ci ripensa, s’addita, riesce a trasformare ogni evento in una rivendicazione, il maschile è immobile su un ruolo che fu di millenni. In un’attesa imbarazzante che la controparte assegni un nuovo status: troppo rude, troppo poco mascolino, esageratamente scostante. A un maschile rimasto orfano di ruoli preimpostati offriamo una stampa a muro che punta a nuove mete. Precisamente, al periodo premestruale. Perché ogni uomo possa rivendicare il diritto di scrollare le spalle e gridare al mondo “anch’io ho le mie cose”.

Rivendicazioni
©Emanuele Martorelli 2017. concept Alessandro Pepè Porrini




Commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>